Intervista al vicepresidente di GID su Europa e Unione Europea

In merito alla recente uscita da parte del Regno Unito dall’Unione Europea di cui tanto si parla in questi giorni e che sta facendo tremare i mercati finanziari mondiali, Civico20News ha avuto modo di intervistare Umberto Actis Perino, vicepresidente di Generazione Identitaria.
Riportiamo un estratto dell’intervista (http://www.bdtorino.eu/sito/articolo.php?id=20761).

L’unione Europea è diventata un sistema ormai assai lontano dai popoli europei. Noi vorremmo una UE che fosse realmente al servizio dei popoli e un pò meno delle banche, lontana dai poteri forti e dall’alta finanza. Tutto ciò non sta accadendo e per questo abbiamo indetto un presidio che avrà luogo l’8 luglio a Brescia, dove ribadiremo il totale disfacimento dei nostri Stati e della nostra società a favore di pochi eletti che pensano solo ad ingrossare il proprio portafoglio a discapito della gente comune.

civico20news

Actis Perino fa anche il punto della situazione circa come Generazione Identitaria ha vissuto ed accolto la questione Brexit e rilancia:

Noi crediamo che un’uscita da parte dell’Italia dall’Unione Europea sia non solo possibile ma anche doverosa, nonostante questo possa inizialmente provocare un periodo di instabilità. La politica italiana deve iniziare a prendere coscienza del fatto che aderire all’Unione Europea oggi non è più un bene. Noi crediamo che la UE debba essere diversa, decisamente troppo rispetto a come è attualmente. Crediamo anche che sia importante avere una moneta sovrana che, ad oggi, non abbiamo.

Qualora l’Italia potesse essere un Paese indipendente dalla UE un’aspetto importante sarebbe quello di valorizzare l’agricoltura, con un’attenzione particolare rivolta ai prodotti km zero. Questi sono prodotti genuini, provenienti dalle nostre terre e che tutto il mondo ci invidia, cercando di contraffarli in modo assai maldrestro. Riteniamo che questo sia uno dei punti fondamentali dai quali possa ripartire la nostra economia a favore della nostra società e dell’Italia stessa.

Continua su: http://www.bdtorino.eu/sito/articolo.php?id=20761