Di fronte agli islamisti, difendi l’Europa!

Sabato 25 novembre, a poco più di due anni dagli attentati di Parigi, saremo con Génération Identitaire nella capitale francese per manifestare contro gli islamisti e l’islamizzazione delle nostre terre.

A partire dal 2015 l’Europa è stata colpita regolarmente da attacchi commessi in nome dell’Islam, che hanno totalizzato 321 vittime. Gli islamisti hanno dichiarato guerra alla nostra civiltà ed i loro obiettivi sono chiari. Non dimentichiamo le nostre vittime e non accetteremo mai di vivere sotto questa minaccia!

Non è più tempo di parole o candele. Dobbiamo reagire, mostrare la nostra rabbia e determinazione a coloro che pensano di terrorizzarci e intimidirci.

Vieni a manifestare con gli identitari!

Evento: https://www.facebook.com/events/2038241459746195

GID Parigi manifestazione contro islamisti difendi europa

Ieri, 13 Novembre, è stato il secondo anniversario della tremenda serie di attacchi di Parigi che causarono 130 morti. Si tratta della più grande aggressione in territorio francese dalla fine della Seconda Guerra Mondiale.

Tutto iniziò con un’esplosione nei dintorni dello “Stade de France” seguita poi da altri attacchi con armi da fuoco sparsi per la capitale francese, fra cui l’assalto al locale Bataclan.

Ricordiamo le vittime del terrorismo islamista di quel terribile giorno, ma anche tutte quelle vite distrutte nella serie di attacchi avvenuti sul suolo europeo negli ultimi due anni a partire da quel dannato 13 Novembre:

▶ Attentati a Bruxelles (Belgio), 22 Marzo 2016:
Tre esplosioni nella capitale belga causano 32 morti ed oltre 300 feriti.

▶ Attentato a Nizza (Francia), 14 Luglio 2016:
Un camion guidato da un tunisino travolge la folla radunata per la celebrazione della festa della Presa della Bastiglia causando 86 morti e 302 feriti.

▶ Attacco alla chiesa di Saint Etienne du Rouvray (Francia), 26 Luglio 2016:
Due cittadini francesi di origine algerina, armati di coltelli, irrompono in una piccola chiesa della Normandia tagliando la gola a Jacques Hamel, prete di 86 anni, uccidendolo sul colpo. Un secondo fedele viene ferito gravemente.

▶ Attacco al mercatino di Natale a Berlino (Germania), 19 Dicembre 2016:
Un tunisino prende possesso di un tir e lo lancia contro i visitatori di un mercatino natalizio, provocando 12 morti e 56 feriti. Il terrorista viene successivamente fermato ed ucciso da due poliziotti italiani a Sesto San Giovanni (Milano).

▶ Attacco al Louvre di Parigi (Francia), 3 Febbraio 2017:
Un egiziano armato di un coltello cerca di attaccare un gruppo di soldati francesi ma viene ucciso prima di poter nuocere ai suoi obiettivi.

▶ Attacco sul ponte di Westminster a Londra (Inghilterra), 22 Marzo 2017:
Un cittadino inglese di origine pakistana investe 55 passanti sul ponte di Westminster, uccidendone quattro, per poi accoltellare a morte un ufficiale di polizia.

▶ Attacco a Stoccolma (Svezia), 7 Aprile 2017:
Quattro persone, tra cui una ragazzina, vengono investite ed uccise da un uzbeko; 12 i feriti.

▶ Sparatoria a Parigi (Francia), 20 Aprile 2017:
Un cittadino francese di origine algerina spara e uccide un poliziotto in servizio, ferendo anche altri due agenti e una turista.

▶ Attentato al concerto di Ariana Grande a Manchester (Inghilterra), 22 Maggio 2017:
Un cittadino inglese nato da famiglia libica si fa esplodere durante un concerto gremito di adolescenti, provocando 22 morti e 250 feriti.

▶ Attacco sul London Bridge (Inghilterra), 3 Giugno 2017:
Un italo-marocchino, un pakistano e un algerino uccidono otto passanti con dei coltelli e ne feriscono altri 48.

▶ Attentati a Barcellona, 17 Agosto 2017:
Un van invade il viale della Rambla uccidendo 13 persone e ferendone altre 130. Cinque nordafricani sospettati dell’attentato vengono uccisi il giorno dopo poco prima di tentare un secondo attacco.

▶ Attacco a Turku (Finlandia), 18 Agosto 2017:
Due donne vengono accoltellate a morte da un marocchino, otto passanti restano feriti.

▶ Bomba nella metropolitana di Londra (Inghilterra),15 Settembre 2017:
Una bomba artigianale causa 30 feriti nella metro londinese. L’autore resta sconosciuto, ma l’attacco è rivendicato dall’Isis.

▶ Attacco a Marsiglia (Francia), 1 Ottobre 2017:
Due ragazze vengono sgozzate da un magrebino.

Risultato parziale: 188 morti e 1190 feriti in meno di due anni, e questi sono solo gli attacchi ed attentati più gravi e con più vittime. Inoltre, non abbiamo considerato gli oltre 100 attacchi sventati…

Il problema del terrorismo islamico tormenta il continente europeo da anni, il numero di vittime ad esso collegate continua ad aumentare e i principali colpevoli sono i politici e le organizzazioni che promuovono l’abbattimento delle frontiere. Indirettamente anche i nostri governanti vi contribuiscono cercando di trovare un modo per far passare nuove leggi sulla cittadinanza invece di spendersi per risolvere la crisi migratoria in favore dei propri cittadini.

Questi politici hanno le mani sporche di sangue, e sono colpevoli di credere ancora nella grande bugia della società multiculturale. L’Islamismo è un ideologia basata sulla supremazia, la coesistenza non è possibile.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *